SITO DEL COMUNE DI SELLIA MARINA BANDIERA BLU 2018


Blu

Comune di Sellia Marina

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI

LUNEDÌ MARTEDÌ GIOVEDÌ E VENERDÌ DALLE 09.00 ALLE 12.00

MERCOLEDÌ DALLE 15.00 ALLE 17.30

 

IL VENERDÌ L'UFFICIO TECNICO RICEVE ESCLUSIVAMENTE SU APPUNTAMENTO

 

L'UFFICIO URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA RICEVE:

LUNEDÌ E VENERDÌ DALLE 09.00 ALLE 12.00

MERCOLEDÌ DALLE 15.00 ALLE 17.30

   

IL 6 DICEMBRE IL COMUNE RIMANE CHIUSO PER LA FESTIVITA' DEL SANTO PATRONO

  

NUMERI TELEFONICI CENTRALINO

0961/964125 - 0961/422444 - 0961/422445

FAX 0961/964361

PEC: protocollo.selliamarina@asmepec.it

News dal Comune

Pubblicazione del Codice Disciplinare art. 59 del CCNL 21/05/2018
Data pubblicazione : 01-06-2018

 

Ai fini della massima divulgazione, viene pubblicato il nuovo Codice Disciplinare di cui all’art. 59 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro ‘Comparto Funzioni Locali’, sottoscritto tra le parti lo scorso 21/05/2018.

La pubblicazione sul sito istituzionale dell'amministrazione Comunale del Codice Disciplinare, recante l'indicazione delle infrazioni e relative sanzioni, equivale a tutti gli effetti alla sua affissione all'ingresso della sede di lavoro (art. 55, comma 2, ultimo periodo, del D. Lgs. n. 165/2001).

CODICE DISCIPLINARE

Art. 59 del CCNL Funzioni Locali del 21/05/2018

1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, il tipo e l'entità di ciascuna delle sanzioni sono determinati in relazione ai seguenti criteri generali: a) intenzionalità del comportamento, grado di negligenza, imprudenza o imperizia dimostrate, tenuto conto anche della prevedibilità dell'evento; b) rilevanza degli obblighi violati; c) responsabilità connesse alla posizione di lavoro occupata dal dipendente; d) grado di danno o di pericolo causato all'amministrazione, agli utenti o a terzi ovvero al disservizio determinatosi; e) sussistenza di circostanze aggravanti o attenuanti, con particolare riguardo al comportamento del lavoratore, ai precedenti disciplinari nell'ambito del biennio previsto dalla legge, al comportamento verso gli utenti; f) concorso nella violazione di più lavoratori in accordo tra di loro.
 

2. Al dipendente responsabile di più mancanze compiute con unica azione od omissione o con più azioni od omissioni tra loro collegate ed accertate con un unico procedimento, è applicabile la sanzione prevista per la mancanza più grave se le suddette infrazioni sono punite con sanzioni di diversa gravità.
 

3.La sanzione disciplinare dal minimo del rimprovero verbale o scritto al massimo della multa di importo pari a quattro ore di retribuzione si applica, graduando l'entità delle sanzioni in relazione ai criteri di cui al comma 1, per: a) inosservanza delle disposizioni di servizio, anche in tema di assenze per malattia, nonché dell'orario di lavoro, ove non ricorrano le fattispecie considerate nell’art. 55-quater, comma 1, lett. a) del d.lgs n. 165/2001; b) condotta non conforme a principi di correttezza verso superiori o altri dipendenti o nei confronti degli utenti o terzi; c) negligenza nell'esecuzione dei compiti assegnati, nella cura dei locali e dei beni mobili o strumenti a lui affidati o sui quali, in relazione alle sue responsabilità, debba espletare attività di custodia o vigilanza; d) inosservanza degli obblighi in materia di prevenzione degli infortuni e di sicurezza sul lavoro ove non ne sia derivato danno o pregiudizio al servizio o agli interessi dell’amministrazione o di terzi; e) rifiuto di assoggettarsi a visite personali disposte a tutela del patrimonio dell'amministrazione, nel rispetto di quanto previsto dall' art. 6 della legge. n. 300/1970; f) insufficiente rendimento nell'assolvimento dei compiti assegnati, ove non ricorrano le fattispecie considerate nell’art. 55- quater del D.Lgs. n. 165/2001; g) violazione dell’obbligo previsto dall’art. 55- novies, del D.Lgs. n. 165/2001; h) violazione di doveri ed obblighi di comportamento non ricompresi specificatamente nelle lettere precedenti, da cui sia derivato disservizio ovvero danno o pericolo all'amministrazione, agli utenti o ai terzi.
L'importo delle ritenute per multa sarà introitato dal bilancio dell'amministrazione e destinato ad attività sociali a favore dei dipendenti.
 

4. La sanzione disciplinare della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino a un massimo di 10 giorni si applica, graduando l'entità della sanzione in relazione ai criteri di cui al comma 1, per: a) recidiva nelle mancanze previste dal comma 3; b) particolare gravità delle mancanze previste al comma 3; c) ove non ricorra la fattispecie prevista dall’articolo55-quater, comma 1, lett.b) del D.Lgs. n. 165/2001, assenza ingiustificata dal servizio o arbitrario abbandono dello stesso; in tali ipotesi, l'entità della sanzione è determinata in relazione alla durata dell'assenza o dell'abbandono del servizio, al disservizio determinatosi, alla gravità della violazione dei doveri del dipendente, agli eventuali danni causati all'amministrazione, agli utenti o ai terzi; d) ingiustificato ritardo, non superiore a 5 giorni, a trasferirsi nella sede assegnata dai superiori; e) svolgimento di attività che ritardino il recupero psico-fisico durante lo stato di malattia o di infortunio; f) manifestazioni ingiuriose nei confronti dell'ente, salvo che siano espressione della libertà di pensiero, ai sensi dell'art. 1 della legge n. 300/1970; g) ove non sussista la gravità e reiterazione delle fattispecie considerate nell’art. 55-quater, comma 1, lett. e) del d. lgs. n. 165/2001, atti, comportamenti o molestie, lesivi della dignità della persona; h) ove non sussista la gravità e reiterazione delle fattispecie considerate nell’art. 55-quater, comma 1, lett. e) del d. lgs. n. 165/2001, atti o comportamenti aggressivi ostili e denigratori che assumano forme di violenza morale nei confronti di un altro dipendente, comportamenti minacciosi, ingiuriosi, calunniosi o diffamatori nei confronti di altri dipendenti o degli utenti o di terzi; i) violazione di doveri ed obblighi di comportamento non ricompresi specificatamente nelle lettere precedenti, da cui sia comunque derivato grave danno all’ente e agli utenti o ai terzi.
 

5. La sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino ad un massimo di quindici giorni si applica nel caso previsto dall’art.55-bis, comma 7, del D.Lgs. n. 165 del 2001.
 

6. La sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino ad un massimo di tre mesi, si applica nei casi previsti dall’art.55-sexies, comma 3 del D.Lgs. n. 165/2001, anche con riferimento alla previsione di cui all’art. 55-septies, comma 6.
 

7. La sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da un minimo di tre giorni fino ad un massimo di tre mesi si applica nel caso previsto dall’art. 55-sexies, comma 1, del D.Lgs. n. 165 del 2001.
 

8. La sanzione disciplinare della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da 11 giorni fino ad un massimo di 6 mesi si applica, graduando l’entità della sanzione in relazione ai criteri di cui al comma 1, per: a) recidiva nel biennio delle mancanze previste nel comma 4; b) occultamento, da parte del responsabile della custodia, del controllo o della vigilanza, di fatti e circostanze relativi ad illecito uso, manomissione, distrazione o sottrazione di somme o beni di pertinenza dell’ente o ad esso affidati; c) atti, comportamenti o molestie a carattere sessuale ove non sussista la gravità e reiterazione; d) alterchi con vie di fatto negli ambienti di lavoro, anche con gli utenti; e) violazione di doveri ed obblighi di comportamento non ricompresi specificatamente nelle lettere precedenti da cui sia, comunque, derivato grave danno all’ente agli utenti o a terzi; f) fino a due assenze ingiustificate dal servizio in continuità con le giornate festive e di riposo settimanale; g) ingiustificate assenze collettive nei periodi in cui è necessario assicurare continuità nell’erogazione di servizi all’utenza;
 

9. Ferma la disciplina in tema di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo, la sanzione disciplinare del licenziamento si applica:

1. con preavviso per: a) le ipotesi considerate dall’art. 55-quater, comma 1, lett. b) e c), da f bis) fino a f) quinquies, comma 3 quinquies del D.Lgs.n.165/ 2001; b) recidiva nel biennio nelle violazioni indicate nei commi 5, 6, 7 e 8. c) recidiva plurima, in una delle mancanze previste ai commi precedenti anche se di diversa natura, o recidiva, nel biennio, in una mancanza che abbia già comportato l’applicazione della sanzione di sospensione dal servizio e dalla retribuzione; d) recidiva nel biennio di atti, comportamenti o molestie a carattere sessuale o quando l’atto, il comportamento o la molestia rivestano carattere di particolare gravità; e) condanna passata in giudicato, per un delitto che, commesso fuori del servizio e non attinente in via diretta al rapporto di lavoro, non ne consenta la prosecuzione per la sua specifica gravità; f) la violazione degli obblighi di comportamento di cui all’art 16, comma 2 secondo e terzo periodo del D.P.R. n. 62/2013; g) violazione dei doveri e degli obblighi di comportamento non ricompresi specificatamente nelle lettere precedenti di gravità tale, secondo i criteri di cui al comma 1, da non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro; h) mancata ripresa del servizio, salvo casi di comprovato impedimento, dopo periodi di interruzione dell’attività previsti dalle disposizioni legislative e contrattuali vigenti, alla conclusione del periodo di sospensione o alla scadenza del termine fissato dall’amministrazione;
2. senza preavviso per: a) le ipotesi considerate nell’art. 55-quater, comma 1, lett. a), d), e) ed f) del D.Lgs. n. 165/2001; b) commissione di gravi fatti illeciti di rilevanza penale, ivi compresi quelli che possono dare luogo alla sospensione cautelare, secondo la disciplina dell’art. 61, fatto salvo quanto previsto dall’art. 62; c) condanna passata in giudicato per un delitto commesso in servizio o fuori servizio che, pur non attenendo in via diretta al rapporto di lavoro, non ne consenta neanche provvisoriamente la prosecuzione per la sua specifica gravità; d) commissione in genere - anche nei confronti di terzi - di fatti o atti dolosi, che, pur non costituendo illeciti di rilevanza penale, sono di gravità tale da non consentire la prosecuzione neppure provvisoria del rapporto di lavoro; e) condanna, anche non passata in giudicato: - per i delitti indicati dall’art.7, comma 1, e 8 , comma 1, del D.Lgs. n. 235/2012; - quando alla condanna consegua comunque l’interdizione perpetua dai pubblici uffici; - per i delitti previsti dall’art. 3, comma 1, della legge 27 marzo 2001 n. 97; - per gravi delitti commessi in servizio; f) violazioni intenzionali degli obblighi, non ricomprese specificatamente nelle lettere precedenti, anche nei confronti di terzi, di gravità tale, in relazione ai criteri di cui al comma 1, da non consentire la prosecuzione neppure provvisoria del rapporto di lavoro.

10. Le mancanze non espressamente previste nei commi precedenti sono comunque sanzionate secondo i criteri di cui al comma 1, facendosi riferimento, quanto all'individuazione dei fatti sanzionabili, agli obblighi dei lavoratori di cui all’art. 57, e facendosi riferimento, quanto al tipo e alla misura delle sanzioni, ai principi desumibili dai commi precedenti.
 

11. Al codice disciplinare, di cui al presente articolo, deve essere data la massima pubblicità mediante pubblicazione sul sito istituzionale dell’ente secondo le previsioni dell’art. 55, comma 2, ultimo periodo, del D. Lgs. n. 165/2001.
 

12. In sede di prima applicazione del presente CCNL, il codice disciplinare deve essere obbligatoriamente reso pubblico nelle forme di cui al comma 11, entro 15 giorni dalla data di stipulazione del CCNL e si applica dal quindicesimo giorno successivo a quello della sua pubblicazione.

 

indietro

RACCOLTA DIFFERENZIATA 2018

DAL 01 APRILE 2016 È ATTIVA SUL TERRITORIO COMUNALE LA NUOVA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI COL METODO “PORTA A PORTA”

SCARICA IL PROGRAMMA  E LE INFORMAZIONI RELATIVE ALLA RACCOLTA

 

RICORDA CHE UN MAGGIORE QUANTITATIVO DI DIFFERENZIATA IMPLICA UN MINORE COSTO DELLA TARIFFA SUI RIFIUTI A CARICO DEI CITTADINI.

DIFFERENZIARE CONVIENE A TUTTI

SONO SEMPRE IN ATTO CONTROLLI DA PARTE DELLA POLIZIA LOCALE PER CONTRASTARE L'ABBANDONO INDISCRIMINATO DI RIFIUTI.  

 Art. 192 d.lgs. n. 152/2006
SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA 105 A 620 EURO
ART. 51 comma 3 C.P.
ARRESTO DA 6 A 24 MESI
SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA 2.582 A 25.822 EURO

 

È ATTIVA L’ISOLA ECOLOGICA IN LOCALITÀ SAN SIMONE  DOVE, PREVIO CONTATTO CON IL GESTORE ATI SOC. COOP. ARL, È POSSIBILE CONFERIRE MATERIALI INGOMBRANTI, ELETTRODOMESTICI, MOBILI, NONCHÈ SFALCI E POTATURE VARIE NEGLI ORARI DI APERTURA
PER INFORMAZIONI CONTATTA IL NUMERO TEL. 
800 946468, valido anche per telefonia mobile

SEGNALAZIONE GUASTI PUBBLICA ILLUMINAZIONE

Da oggi i cittadini possono segnalare direttamente, 24 ore su 24, eventuali guasti agli impianti chiamando da fisso il numero verde dell’azienda ENEL SOLE 800 901050, da cellulare il numero 199 282931 oppure inviando un fax all’800 901055 o una mail all’indirizzo sole.segnalazioni@enel.com. I cittadini dovranno solo indicare il codice identificativo del centro luminoso, rilevabile dalla targhetta che verrà presto apposta su ciascuno di questi, o, comunque, la via e il numero civico più vicino all’impianto. Tale novità consentirà di ottenere un servizio migliore perché, acquisita la segnalazione, consentirà ai tecnici dell’azienda di programmare ed effettuare un tempestivo ed efficace intervento entro i tempi stabiliti contrattualmente (tre giorni lavorativi). La ditta interverrà sul territorio nei giorni di Martedì e Venerdì.

Si comunica inoltre che il contratto stipulato tra Enel Sole e Comune di Sellia Marina, prevede il pagamento di una quota fissa prestabilita per la pubblica illuminazione a prescindere dal consumo effettivo e che quindi le accensioni anticipate per motivi di manutenzione non comportano un aumento della spesa a carico dell'Ente e, di conseguenza, della popolazione.

Meteo

Iscriviti tramite Facebook
... oppure inserisci i tuoi dati:

L'indirizzo al quale desideri ricevere le newsletter.
Ai sensi del d.lgs. 196/2003, La informiamo che:
a) titolare del trattamento è il Comune di Sellia Marina, 88050 Sellia Marina (CZ), Piazza Antonino Scopelliti
b) responsabile del trattamento è il Comune di Sellia Marina, 88050 Sellia Marina (CZ), Piazza Antonino Scopelliti
c) i Suoi dati saranno trattati (anche elettronicamente) soltanto dagli incaricati autorizzati, esclusivamente per dare corso all'invio della newsletter e per l'invio (anche via email) di informazioni relative alle iniziative del Titolare;
d) la comunicazione dei dati è facoltativa, ma in mancanza non potremo evadere la Sua richiesta;
e) ricorrendone gli estremi, può rivolgersi all'indicato responsabile per conoscere i Suoi dati, verificare le modalità del trattamento, ottenere che i dati siano integrati, modificati, cancellati, ovvero per opporsi al trattamento degli stessi e all'invio di materiale. Preso atto di quanto precede, acconsento al trattamento dei miei dati.
Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)

Albo Pretorio on-line

Albo Pretorio on-line

Fatturazione Elettronica

Fatturazione Elettronica

D.Lgs. n.33 del 14/03/2013

Amministrazione Trasparente

Segnalazione Illeciti

Anticorruzione L.190/2012

Anticorruzione L.190/2012

Scrivania Virtuale

Scrivania Virtuale

SUAP

Sportello Unico per le Attività Produttive

Con tale link si assolve all’obbligo di pubblicazione della nuova modulistica edilizia unificata e standardizzata

Autolettura dell'acqua

Autolettura dell'Acqua

Segnalazioni online

Segnalazioni online

Cambio di Residenza

Cambio di Residenza

Autocertificazioni

Autocertificazione Online

Consultazioni Elettorali

Servizio Elettorale

PEC

Posta Elettronica Certificata

Gli indirizzi PEC del Comune

Prevenzione oncologica

 

Prevenzione oncologica

Punto Prelievi

Punto Prelievi

Calcolo IUC

iuc

Elettorale

Servizi Elettorali

Servizio Civile Nazionale

Servizio Civile Nazionale

IL BLOG DEL

SERVIZIO CIVILE

LOGO

Centro Unico Prenotazioni (CUP)

Centro Unico Prenotazioni (CUP)

Servizi socio-assistenziali

Servizi socio-assistenziali

Ritorno volontario Assistito

 

www.rirva.it

hcp

Bussola della Trasparenza

Contatore Visite

Contatore accessi gratuito

Protezione Civile - Live

Protezione Civile Calabria

Carta d'Identita' Elettronica

Carta d'Identita' Elettronica (CIE)

DAT

Dichiarazione anticipata di trattamento (DAT)

Albo Giudici Popolari

Albo Giudici Popolari

Bonus Gas ed Energia

Bonus Gas Bonus Elettrico

Bonus Idrico

Bonus Idrico

sap

 

I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Navigando su questo sito accetti il loro utilizzo.     Informazioni


Comune di Sellia Marina
Piazza Antonino Scopelliti (già Via Acqua delle Mandrie) - 88050 Sellia Marina (CZ)
P.Iva 00360710792
Tel: 0961/964125
0961/422444 0961/422445 - Fax: 0961/964361

Sito ottimizzato per Mozilla Firefox e Google Chrome 

Sito ottimizzato per Mozilla Firefox e Google Chrome

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.305 secondi
Powered by Asmenet Calabria